//The Meat Market raddoppia a Roma: dopo Testaccio, apre il secondo ristorante nel quartiere Nomentano

The Meat Market raddoppia a Roma: dopo Testaccio, apre il secondo ristorante nel quartiere Nomentano

Il suono dei coltelli affilati, il profumo della griglia, la piastra già rovente che aspetta solamente di essere utilizzata. È questo il cuore del The Meat Market che, dopo il successo del locale a Testaccio, raddoppia e apre anche nel quartiere Nomentano di Roma, in via Ravenna n. 30, proprio a due passi da piazza Bologna.

Denominato il quartier generale di tutti i carnivori di Roma, The Meat Market si pone a metà tra steakhouse statunitense e vero e proprio ristorante, ma senza dimenticare le proprie origini pugliesi.

La filosofia del Meat Market sbarca nel regno “dell’aperitivo post-lezione universitaria” e promette di sconvolgere il trend fino ad ora in voga nella zona.  Al sangue, trepidante sulla griglia oppure nuda e cruda: la carne, quella vera, trova qui la sua massima espressione.

Il Meat Market nasce dall’idea di due imprenditori di origine pugliese, Anita Nuzzi e Vito Fiusco, con l’intento di introdurre, nel ventaglio di proposte enogastronomiche della Città Eterna, le atmosfere delle tipiche steakhouse statunitensi, per offrire la migliore carne in un ambiente con un servizio da ristorante.

Aperto nel luglio 2018, il primo locale nel quartiere Testaccio riscuote, fin da subito, un successo travolgente tanto da far maturare, nei due proprietari, l’idea di aprire un secondo locale nella zona nord-est della Capitale, sfidando anche l’attuale periodo di emergenza e la crisi.

Sfidiamo questo periodo aprendo un secondo The Meat Market per dare un forte segnale in un momento che sappiamo essere molto difficile per la ristorazione – afferma Anita Nuzzi –  Rispetto al passato, abbiamo deciso di metterci la faccia per dare, con questa nuova apertura, un’identità più forte alla nostra idea di ristorazione”.

Una vera e propria sfida, quindi, quella intrapresa dai soci pugliesi e che partirà – nel nuovo locale – oltre che dal pranzo, anche dall’asporto e il delivery, replicando un modello già collaudato con il locale di Testaccio, grazie anche al grande lavoro di social media marketing intrapreso sui canali social del The Meat Market fin dai primi mesi del lockdown. Sfruttando la potenza comunicativa della rete, e grazie ad un incredibile passaparola, il Meat Market è potuto così entrare nelle case di chi, fino a quel momento, non conosceva questa realtà imprenditoriale, apprezzandone la spontaneità, ma anche la professionalità e la qualità delle materie prime proposte.

Il nuovo locale

Dal produttore al consumatore: cambia la location ma il format rimane il medesimo. Sì, perché al The Meat Market la carne arriva direttamente dal banco presente nel locale, per trasformare il cliente in un vero e proprio Butcher, potendo egli stesso scegliere il taglio e la provenienza della materia prima.

Un giro del mondo alla scoperta di carni che arrivano dalla Spagna, dagli Stati Uniti, dall’Argentina ma anche, e soprattutto, dalle regioni italiane come il Piemonte, le Marche e, naturalmente, la Puglia.

Accanto al banco, ci sono i cosiddetti “stagionatori”, le speciali celle frigorifere per le lunghe frollature: dai 30 ai 60 fino a superare i 90 giorni, durante i quali le fibre muscolari della carne si distendono ed iniziano i processi chimici che portano ad una maggiore tenerezza delle carni conferendone un sapore più spiccato.

Dalla scelta dei materiali al design, l’ambiente del nuovo locale del The Meat Market rispecchia il classico stile urban, minimal ed essenziale, tipico degli anni ’50, caratterizzato dal recupero degli spazi di ex magazzini, uffici e industrie per essere riutilizzati come locali dover far sorgere ristoranti e bar. Tantissimo spazio al metallo, quindi, all’ottone e ai colori scuri e lucidi, ma anche al colore caldo del legno grezzo dei tavoli che possono ospitare attualmente (nel rispetto delle normative anti-Covid) un totale di 50 coperti negli spazi interni e 20 nel dehors.

Il menu

Guardare il menu del The Meat Market è come ripercorrere un viaggio partendo dai Paesi più remoti del pianeta per approdare, sempre e comunque, al sud Italia. Tra tradizioni della cucina romana e pugliesi, ecco che vengono fuori le due anime di Anita Nuzzi e Vito Fiusco, originari di Taranto ma trapiantati a Roma da ormai diversi anni e che curano personalmente il menu del locale.

Crediamo fortemente nelle tradizioni e nei prodotti agroalimentari della nostra regione – spiega Vito Fiusco – Anche da qui, il legame con il nostro territorio è fondamentale, per questo importiamo dalla Puglia prodotti di tanti piccoli produttori locali che hanno conosciuto la realtà del The Meat Market e ne sposano appieno la filosofia. Il risultato è quello di portare in tavola prodotti alimentari sani e genuini, oltre che buoni”.

Ecco così che troviamo, tra gli antipasti, accanto a piatti come le Crocchette di Pulled Pork e i Fried Chicken Sticks, anche la Burrata pugliese su estratto di pomodoro, crostini di pane casereccio, pomodorini confit e olio evo al basilico oppure la Frisella con stracciatella di burrata, capocollo martinese, estratto di pomodoro e olio evo al basilico.

E ancora troviamo tra pregiatissimi tagli di carne come la Wagyu – letteralmente “manzo giapponese” (和牛 Wagyū, dal giapponese “wa”: Giappone, e “gyū”: bue), o la Galiziana, caratterizzata da grasso spesso e dal colore giallo intenso, anche le tipiche Bombette pugliesi su cime di rapa.

Menzione a parte meritano i Burgers (dai 150gr ai 500gr) con i bun forniti dall’Antico Forno Roscioli, e si può scegliere tra le varianti: classico, ai cinque cereali o senza glutine. Tra tutti, spiccano il “Puglia”, hamburger di manzo (200gr) burrata intera, capocollo, pomodori secchi home made e cime di rapa ripassate, il “Bello de nonna” ripieno di polpette al sugo con grana a scaglie racchiuse in un fragrante pane pizza e il “Tartare Burger” con battuto di manzo al coltello, stracciatella di burrata, pomodori confit, rucola e olio evo al basilico.

La novità

Novità assoluta del The Meat Market di via Ravenna è l’introduzione del Cocktail Bar. Una decisione che non arriva per caso, ma che vuole rispondere alla domanda sempre più crescente della zona. Cocktail sì, ma di qualità. Perché, come per il settore della carne, i proprietari del The Meat Market sanno che è necessario distinguersi.

Ed è per questo che l’offerta beverage del nuovissimo Cocktail Bar non può che rispecchiare la stessa attitude internazionale della cucina del The Meat Market. Una drink list di stampo internazionale, fantasiosa ed accattivante, e che ruota attorno ai diversi cocktail da proporre in abbinamento ad ogni piatto del menu. Un perfetto food pairing tra cibo e drink. Cosicché al Tataki di manzo, il bartender proporrà in abbinamento un cocktail che guarda a Oriente a base di saké. Oppure un viaggio in Sud America con le Fajitas di pollo in abbinamento al Margarita Market, il loro signature cocktail.

The Meat Market nasce in un quartiere, quello del Nomentano, dove mancava decisamente un’offerta del genere. In una zona costellata di locali alla moda e di hamburgerie che abbracciano maggiormente la filosofia del fast food, esiste ancora uno spiraglio di luce per chi ama mangiare ottima carne e a ritmi lenti.

2020-12-11T17:39:50+00:00

Leave A Comment

This website uses cookies and third party services. Ok